giovedì 30 giugno 2016

Un nuovo giorno



Sono allegro, 
qualunque cosa accada, 
uno sbuffo nel cielo
- che splendore, io sono là. 

(Nuvola, Shinkichi Takahashi)



n a n i t a 


Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.

lunedì 27 giugno 2016

La mia casa è il pianeta Terra (Márcia Theóphilo)

fotografia: Rostislav Košťál

Non da te, ma dal tempo sarò divorato
Ma io ti divorerò, non il tempo
Una flora pelosa, un verde manto
È il pianeta Terra da me abitato.

Il bosco é vasto, gli alberi parlano
parlano gli animali e il vento agitato.
Acque, polline, semi proliferano.
Tu re del mondo un giorno sarai divorato.

I denti di giaguaro in filo spinato
Ti attraverseranno la gola e morirai
Per i tuoi crimini sarai divorato

Massa scorporificata mollemente.
Ma tu natura all’Orfeo obbedirai:
pioggia inversa salirà costantemente.

Per “Le sonnet des Amériques”, Québec, 20/04/2001

(Da "Foresta mio dizionario)


***************************************************

Não por ti, mas pelo tempo serei devorado
Mas eu te devorarei, não o tempo.
Uma flora pelosa , um verde manto
é o planeta Terra por mim habitado.

O bosque é vasto, as arvores falam
falam os animais, com o vento agitado.
As águas o pólen, as sementes proliferam
Tu rei do mundo, um dia serás devorado.

Os dentes de jaguar de arame farpado
atravessar-te-ão a garganta e morrerás
pelos teus mesmos crimes serás condenado.

Massa descorporificada molemente.
Natureza ao Orfeu obedecerás
E a chuva inversa subirá constantemente.


(para o “Le Sonnet des Amériques, Québec 20/04/2001)


Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.

giovedì 23 giugno 2016

Bere le nuvole



“Siete d’accordo con me che il tè nel bicchiere è la continuazione della nuvola nel cielo? Sì c’è un legame molto stretto tra il tè e la nuvola. La nuvola di ieri può diventare il tè di oggi, e quando io bevo il tè, sto bevendo la nuvola. ” (Thich Nhat Hanh)

n a n i t a 



Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.

lunedì 20 giugno 2016

Dal seme del mio corpo (Emilio Paolo Taormina)

The Seed by Pawel Jonca.

cade una pioggia
  lenta e trasparente
   sulla terra arida
e sulla mia pelle
vorrei scavare
               con le mani
una buca
      lavarmi col fango
vorrei che dal seme
             del mio corpo
nascesse un albero

 (da "Lo sposalizio del tempo")

Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.

giovedì 16 giugno 2016

Danze nel vento


“La raffica di vento nella risaia di Ejiri”, Hokusai (1760-1849)
n a n i t a 


Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.

lunedì 13 giugno 2016

L’albero (Silvana Stremiz)

The old apple Tree by Robert Julian Onderdonk


Sono già mature le mele
sull'albero che Miss Coombes
ci ha lasciato.
L'albero è chino quasi fino a terra.
Non avevo capito fino ad ora
il loro peso freddo, né come
si accalcano a coppie sui rami,
gialle, rotonde come lanterne cinesi
lungo una strada addobbata.

È il crepuscolo, e stai tornando a casa.
Immagino la dinamo della tua bici
tesa come una spoletta tra le strade
che imbrunano, a illuminare
casa nostra mentre ora, nella via,
si accendono le luci – l'oro
delle lampadine nelle piccole serre,
i lingotti
di ingresso, la camera da letto, le scale.

Viviamo qui ora, e sebbene,
altrove, una ragazza si appoggi
al finestrino del treno, un dito
attorcigliato allo zaino zeppo
di tutto ciò che possiede –
questo ci basta. Siamo
le luci, le luci, le luci
che i treni superano nell'oscurità.



Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.

giovedì 9 giugno 2016

Bijin che guarda la luna


dipinto: Anonimo, Bijin che guarda la luna, 1670 circa, Museo d’Arte Moderna della Prefettura di Gunma.
n a n i t a 


Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.

lunedì 6 giugno 2016

Filari di pioppi (Giorgio Bolla)













Sera imperlata di porpora,
nel sangue lontano degli altri.

Filari di pioppi
come vene sui santi del Rosso,
e larghe ventate
di luce addosso
al tuo chiaro apparire.
Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore. Poesia protetta dai diritti d'autore.

giovedì 2 giugno 2016

Mille lucciole


dipinto: “Donna con lanterna” di Cheng Chong
n a n i t a 


Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.