giovedì 22 agosto 2013

Lettera di un bambino Siriano alla mamma



Mamma non me lo avevi mai detto
che si può morire anche respirando 
mentre io credevo che per morire
ci volesse una ferita, una crepa da cui
la vita potesse uscire assieme al sangue...
Mamma non me lo avevi detto 
che si può morire giocando
tra la polvere e i sassi della strada
che mi hanno visto correre.
Non me lo avevi detto che 
mi avresti salutato da così lontano
e che piangendo la tua anima
sarebbe venuta a reclamarmi.
Mamma non me lo avevi detto 
che si può morire respirando dentro a un sogno,
che anche l'aria può essere un veleno.
Non me lo avevi detto
 che sarei stato un angelo di vetro,
dentro un sudario bianco, 
addormentato.
Mamma non me lo avevi detto che
la morte mi avrebbe reso luminoso e bello
spazzando via il terrore delle bombe.
Mamma ... io, invece,
non ho potuto dirti ieri 
mentre giocavo con la morte
quanto ti amassi e ti volessi bene.

22/08/2013

LETTER FROM A SYRIAN CHILD TO HIS MOTHER

Mom, you never told me
that you can die even breathing
 I believed that to die
it would take a wound,
 a crack from which life
could come out along with the blood ...
Mom, you never told me
that you can die playing
among the stones and the dust
of the road who saw me run.
You never told me
you'd greeted me from so far away
and that, crying, your soul
would come to claim me.
Mom, you never told me
that you can die breathing in a dream,
that the air can also be a poison.
You told me not
I'd be an angel of glass,
asleep, in a white shroud
Mom you never told me
the death would make me bright and beautiful
sweeping away the fear of bombs.
Mom ...  however,
I could not tell you yesterday,
while I was playing with the death
how much I loved you and wanted you well.


(Valentina Meloni)

22/18/2013 scritta dopo l’attacco chimico di Ghūṭa. Lunedì 16 settembre 2013 il team indipendente delle Nazioni Unite incaricato di verificare l’eventuale uso di armi chimiche in Siria ha consegnato il suo rapporto definitivo al segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon. Il rapporto, lungo 38 pagine, ha confermato che le «armi chimiche sono state usate relativamente su larga scala nel conflitto tra le due parti in Siria, anche contro i civili, inclusi i bambini».

Edita nel volume antologico "Voci contro la guerra" di Onirica Edizioni. L’intero ricavato è stato devoluto in beneficenza alla ONLUS “Amici di Ndugu Zangu”, Organizzazione Non Governativa internazionale che opera in Africa, per offrire assistenza ai bambini cardiopatici. I proventi del libro saranno devoluti all'associazione. Potete acquistarlo cliccando sull'immagine.

Acquista

edita nel volume antologico "Ho conosciuto Gerico" (volume storico del 2013 fuori commercio delle edizioni Ursini)


Conferita per questa lirica menzione del giorno nel sito di poesie "Oceano nella'anima"

Conferita per questa lirica menzione di merito al Premio nazionale Voci contro la guerra


Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.